martedì 9 novembre 2010

"S" come Sacher, "S" come Scorpioni

Sono del segno dello Scorpione ascendente Scorpione. Ho sposato uno Scorpione. La mia vicina di casa (pianterreno) è nata il mio stesso giorno e quindi è Scorpione pure lei, ovvio. Il mio vicino di casa (1° piano) è Scorpione. Gli abitanti della casa sono 9 in tutto -gatti esclusi- e quindi la percentuale scorpionesca non è niente male. Tutti gli anni in questo periodo organizziamo una festa per i nostri compleanni, che serve soprattutto a esorcizzare la massa di energia scorpionica che sprigioniamo (dicono che se nel palazzo va via l'elettricità, noi senza luce non rimaniamo...). Facciamo outing di tutte le nostre cattiverie e vendette, ci diciamo a vicenda quanto siamo sensibili e intelligenti e naturalmente mangiamo e beviamo! Domenica sera eravamo circa una quarantina, di cui 13 (sic!) Scorpioni, e per l'occasione ho preparato una Sacher "astrologica".
Questa versione, ispirata a una ricetta di Rosalba Gioffré, è buonissima! Oserei dire che l'impasto, super-cioccolatoso e senza lievito, è persino migliore dell'originale viennese, ma la consistenza della glassa purtroppo non è la stessa... Continuerò a sperimentare e aspetto i vostri consigli! Ecco la nostra ScorpionSacher:


ingredienti per una tortiera da 22 cm:
per la torta
150 g di cioccolato fondente al 70%
130 g di burro ammorbidito
100 g di zucchero a velo
5 uova, separando tuorli e albumi
mezza bacca di vaniglia
100 g di zucchero
150 g di farina 00
per la farcitura
200 g di gelatina di albicocche
per la glassa
100 g di zucchero
150 g di cioccolato fondente al 70%
90/100 ml di acqua minerale


Spezzettate il cioccolato, scioglietelo a bagnomaria e lasciate intiepidire. In una terrina montate il burro insieme allo zucchero a velo finché diventa soffice e cremoso (io a mano con un cucchiaio di legno), poi aggiungete i 5 tuorli d'uovo uno alla volta. Amalgamate anche i semi di vaniglia e il cioccolato fuso. Quindi, girando con una spatola di gomma, amalgamate la farina, poca per volta.
Con le fruste elettriche montate gli albumi a neve ben ferma versando a pioggia lo zucchero. Aggiungeteli con delicatezza all'impasto facendo dei movimenti dal basso verso l'alto per non smontare il composto.
Imburrate e infarinate la tortiera, versateci il composto e cuocete in forno già caldo a 180°C per circa 45 minuti (prova stecchino). Sfornate e lasciatela riposare per una mezz'oretta prima di toglierla dalla tortiera. Fate raffreddare completamente su una gratella.

Pareggiate la superficie della torta e con l'aiuto di un coltello lungo e affilato dividetela in due dischi. Scaldate appena la gelatina di albicocche per renderla più fluida e spalmatene un po' sulla superficie del primo disco. Sovrapponete nuovamente i due dischi e spennellate la superficie e i bordi con la gelatina rimasta. Lasciate seccare per almeno mezz'ora.


Mettete gli ingredienti della glassa in un pentolino dal fondo spesso, portate a bollore e cuocete a fuoco dolcissimo per circa 7/8 minuti.
Sistemate la torta su due fogli di carta forno leggermente sovrapposti:




Colate la glassa al centro, rivestendo la torta completamente (eventualmente aiutatevi con una spatola, ma non dovrebbe essere necessario). Passate in frigorifero per circa 4 ore.

Aiutandovi con una spatola staccate il cioccolato colato e aspettate una mezz'oretta prima di servire.

8 commenti:

  1. Qui è lo stesso con gli Acquario. Non nella famiglia nuova, ma in quella d'origine. In più, io sono un concentrato di acquario, a parte l'ascendente, ho tutti i pianeti lì. Una sera, durante una cena, eravamo finiti al tavolo con una famosa astrologa che, alla fine della serata, aveva chiesto a mio marito di che segno fosse.
    "sagittario", aveva risposto
    E lei, con aria commiserevole
    "eh, ci vuole proprio un bel sagittario, per sopportare tutto questo acquario!"
    ormai, è un evergreen del lessico familiare.
    Sulla glassa, ti cerco quella dell'hotel sacher- che non dà la ricetta originale, ma ci va vicino (dice). Sottomano ho invece la glassa del Talismano della felicità che per me è perfetta. E' la glassa cotta al cioccolato e la Dani ci fa una sacher strepitosa. ti metto il link al blog, perchè da spiegare è lunghissima, poi in posta privata ti dò tutto il resto.
    http://menuturistico.blogspot.com/2009/09/sacher-torte.html
    e auguri a tutti, ovviamente :-)
    ciao
    ale

    RispondiElimina
  2. Rimane la mia preferita!!!Smack!

    RispondiElimina
  3. Cristinam troppo buona!!!!Adoroooooooo

    RispondiElimina
  4. Da Scorpione a Scorpione... la tua ScorpionSacher è una goduria infinita!!! :-p

    Tantissimi auguri!!!!

    RispondiElimina
  5. Cara scorpioncina mi congratulo per questa bellissima sacher, piacere di conoscerti sono Cris e da oggi faccio parte del tuo seguito! Buona giornata e a presto!

    RispondiElimina
  6. la sacher oltre ad essere la mia torta preferita è il mio tarlo...non so quanti tentaivi ho già in attivo ma tutti pseudo falliti. o era sbagliata la glassa, o lìimpasto, o la proporzione degli ingredienti. ho provato ricette diverse alla ricerca di quella perfetta, che non ho ancora trovato!
    concentrazione di scorpioni niente male direi!! quindi auguri a tutti ...ci sarei stata bene anch'io a mangiare la vostra sacher : sono del toro e pare che l'abbinata toro scorpione faccia faville...o no?? o forse mi sto aggrappando a questo per la mia golosità atavica che, vedendo questa goduriosa torta, sbuca fuori prepotente!!!baci e complimenti per la torta

    RispondiElimina
  7. @mapi: evvai, un'altra scorpioncina! mi sa che presto fonderemo un club... e auguri anche a te
    @cris: il piacere è tutto mio! anche a me piace hello kitty ;-)
    @roby: mia figlia è del toro, andiamo d'accordissimo! e lei è la persona più golosa che conosca, soprattutto di cioccolato fondente...

    RispondiElimina