mercoledì 7 marzo 2012

Jamie Oliver, I love you... ed è Starbooks!

Jamie Oliver è uno chef inglese.
Giovane.
Carino.
Simpaticissimo.
Impegnato nel sociale, ma sul serio.
Dallo stile un po' arruffato. Da lui non troverete foto patinate con sfondi bianchi e tavole immacolate, ma briciole dappertutto, tovaglie macchiate di sugo, legni scrostati...
Insomma, avrete capito che lo adoro :)

Lo Starbooks di questo mese è Jamie's Great Britain, l'ultimo libro di Jamie Oliver interamente dedicato alla cucina inglese e una grande dichiarazione d'amore per il suo paese e la sua gente. Non è ancora pubblicato in Italia, quindi una vera chicca per tutti voi!!
Oggi su menu turistico trovate una presentazione del libro scritta dalla magica penna di Alessandra, mi raccomando non perdetevela!


Passo subito a presentarvi la mia ricetta, un contorno che si inserisce virtualmente nel menù completo che abbiamo pensato per voi e intitolato altisonantemente God save the Queen... Al primo ha pensato Alessandra di Ale Only Kitchen con un'insolita zuppa di mele e zucca, ai secondi Ale e Dani di menu turistico con una pie principesca e Cristina di Insalata Mista con un carrè di maiale eccezionale, a chiusura la spettacolare torta regale della nostra Patty di Andante con gusto.

Eccovi la presentazione della ricetta con le parole di Jamie:
"Se state cercando un modo semplice e veloce per fare un gratin, questa è una vera ghiottoneria e un ottimo sistema per esaltare ogni tipo di verdura, dai finocchi affettati finemente al sedano rapa, dagli scalogni ai cipollotti. Ogni pranzo di famiglia che si rispetti dovrebbe includere un paio di contorni di verdura veramente buoni e se uno di essi fosse croccante, ricco, fumante e delizioso come questo... beh, non potrebbe che essere una buona cosa."

Creamy Crunchy Leeks (gratin di porri)


ingredienti per 4 persone:
1 fetta di bacon affumicato (o pancetta) a dadini
2 cucchiai di olio d'oliva
1 foglia d'alloro fresco
350 g di porri, preferibilmente novelli
sale e pepe di mulinello
250 ml di brodo di pollo
5 cucchiai di panna fresca
50 g di formaggio grattugiato (cheddar, parmigiano, emmentaler...)
1 spicchio d'aglio sbucciato
3 grosse fette di pane bianco raffermo senza crosta (circa 50 g)
le foglioline di un mazzetto di timo fresco

Jamie tra gli ingredienti elenca il "brodo di pollo biologico", poiché in Inghilterra al supermercato lo si trova bell'e pronto nel tetrapak...

immagine dal web

...ma noi che siamo italiani in poco più di mezz'ora ci prepariamo un bel brodino in casa, ok? Io ci ho messo un pezzo di pollo con l'osso, una patata, una carota, una cipolla steccata con un chiodo di garofano, un pezzo di sedano e un po' della parte verde di un porro. Che profumino...!

Mondate e lavate i porri e tagliateli a pezzi. Se trovate i teneri porri novelli potete lasciare i pezzi un po' più grandi, se invece avete i porri normali tagliateli finemente.

Scaldate una padella a fuoco medio. Metteteci l'olio d'oliva, il bacon e la foglia d'alloro e soffriggete per qualche minuto fino a leggera doratura.
Aggiungete i porri, salate e pepate generosamente e mescolate. Versate il brodo e la panna fresca, portate a ebollizione e fate sobbollire per circa 10 minuti o poco più. A questo punto spegnete, togliete l'alloro e aggiungete la maggior parte del formaggio grattugiato (io ho usato metà parmigiano e metà emmentaler). Il composto risulterà ancora abbastanza liquido: va bene così, poiché si addenserà durante la cottura in forno.

Nel frattempo mettete il pane raffermo, lo spicchio d'aglio sbucciato (io metà spicchio) e le foglioline di timo nel mixer e con la funzione a impulsi riducete il tutto in grosse briciole.


Trasferite i porri in una pirofila bassa di circa 20x25 cm (io l'ho imburrata, ma forse è irrilevante), spolverizzateci sopra le briciole di pane aromatizzato e il formaggio rimanente e cuocete in forno già caldo a 200°C per 30-40 minuti, finché la superficie risulta dorata e croccante.

Servite con qualsiasi cosa volete. E' semplicemente... BUONO!!!!!!



Arrivederci alla prossima puntata e... nel frattempo fatevi un bel giretto da jamieoliver.com!

16 commenti:

  1. Mamma che golosità! Da leccarsi i baffi.

    RispondiElimina
  2. Mi fai davvero morire. Mi hai fatto voglia di preparare questo piatto nonostante io non sia una fan sfegatata dei porri. Ma siccome invece mi piacciono al forno ed accompagnati dalla crosticina che creano con formaggi and co., questa ricetta è davvero stupenda. Mi verrebbe anche voglia di utilizzare il tutto come ripieno di una bella torta salata. Post delizioso come la sua autrice. Ti abbraccio forte, Pat

    RispondiElimina
  3. Brave brave brave...volevo proprio comprarlo, adesso aspetto tutte e vostre recensioni! Questo gratin intanto me lo mangerei a cucchiaiate anche adesso!!!

    RispondiElimina
  4. brava brava brava, bel post, bella presentazione, foto, tutto e la ricetta è stupenda..
    baci
    cris

    RispondiElimina
  5. Buongiorno!!!
    Io adoro Jamie Oliver! Mi piace tantissimo sia come persona che come cuoco! Ogni volta che lo guardo mi vien voglia di mettermi ai fornelli e cucinare le sue prelibatezze! Lo fa con una tale disinvoltura e passione che mi spiazza!
    Spero che esce presto il suo libro anche in italia!
    Buonissimo questo gratin di porri!!!^_^
    Un bacione, ciao!!!

    RispondiElimina
  6. Adoro i porri e Jamie, posso perdermi questa ricetta? ;-)

    RispondiElimina
  7. lo sapevo-lo sapevo-lo sapevo.... stamattina, quando faveo la spiega del "perchè l'osso sì", a chi pensi che mi ispirassi??? poi vengo qui leggo "pollo con l'osso"... e quella che era "paresi da brodo nel tetrapck" si è trasformata in un sorriso!!!
    ma grande cri!!!
    ciao!

    RispondiElimina
  8. Ma sarai brava?!?!?! risposta SI, assolutamente !!! (magggico il brodino home mada ;-))
    Baci grandissimi
    Dani

    RispondiElimina
  9. Jamie è davvero simpatico e la cucina inglese una bella scoperta, a Londra ho assaggiato incuriosita e ho apprezzato, ora mi studierò bene tutte le vostre ricette, per cominciare i porri li adoro! :-D

    RispondiElimina
  10. Jamie e' effettivamente simpatico, se non altro non ha paura di mettersi in gioco, vedi i suoi viaggi.
    Anche se c'e' la panna (che io aborro, fuori dalla pasticceria) questo gratin e' interessante, da provare.
    Sulle ossa di pollo meriti una standing ovation....
    CIAO

    RispondiElimina
  11. Questo delizioso gratin è uno di quei piatti che mettono il buonumore... brava Cris!!! Jamie sarebbe orgoglioso di te ;-)))
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Jamie Oliver ha sicuramente una marcia in più.

    RispondiElimina
  13. Ho da poco scoperto di avere un'insana passione per i porri, penso che ti copierò presto la ricetta!
    BGiornata e buona festa della donna!

    RispondiElimina
  14. questo fa assolutamente per me, adoro i porri!

    RispondiElimina
  15. Finalmente ho trovato qualcuno con cui parlare di "Jemino" cosi lo chiamiamo io e mia figlia Sofia .
    Mi piace troppo il suo stile arruffato, come dici tu specialmente messo a confronto con tanti cuochi italiani che cucinano con pinze e guanti di lattice e chiamano il cibo "l'alimento". Non li sopporto Comunque adesso so di trovarmi in buona compagnia E poi grazie per essere passata dal mio blog e avermi dato l'oppurtunità di parlare con te
    Un salutone e a presto
    Angela

    RispondiElimina