mercoledì 28 maggio 2014

Crackers speziati all'olio d'oliva (di Yotam e... Alessandra!)

Quasi un anno fa l'amica Alessandra pubblicava questo post.
Come ben sanno i frequentatori del mio blog, con pane, lievitati e affini non ci azzecco molto... riesco giusto giusto a fare dei panini for dummies e il facilissimo soda bread ;)
Ma questi crackers mi hanno conquistata subito, anche perché ho avuto l'enorme privilegio di assaggiarli preparati dalle manine magiche della stessa Alessandra!
Mi sono lanciata anch'io, seguendo la ricetta di Yotam Ottolenghi - tradotta da "The Cookbook" e riproposta da Ale -, ed è stato subito un grande successo. Li ho fatti e rifatti e ancora non riesco a stare dietro alle richieste di bis...




ingredienti per circa 25 crackers:
250 g di farina 00, più quella per spolverare il piano di lavoro
1 cucchiaino da tè di lievito istantaneo per torte salate
115 ml di acqua
25 ml di olio extravergine d'oliva, più un (bel) po' per la finitura
½ cucchiaino da tè di sale
1 cucchiaino da tè di paprika in polvere (dolce o piccante)
¼ di cucchiaino di tè di pepe nero macinato
maggiorana tritata (o altre erbe, assolutamente a piacere!)
sale di Maldon (o fior di sale o sale grosso) per la finitura

Unite tutti gli ingredienti, tranne il sale grosso, in una grande ciotola e mescolateli fino a ottenere un impasto morbido (io ho impastato a mano, ma potete naturalmente usare anche l'impastatrice). Lavorate fino a ottenere una consistenza soda, coprite con pellicola per alimenti e fate riposare in frigorifero per circa un'ora.

Riscaldate il forno a 220°C.
 
Spolverate abbondantemente di farina la spianatoia e tenete a portata di mano:
- una ciotola con altra farina per spolverare
- una ciotola con olio extravergine d'oliva insieme a un pennello
- una ciotolina con il sale di Maldon.

Con un coltello ben affilato ricavate dei pezzi di impasto grossi come una noce, del peso di circa 15 g ciascuno (per avere un'idea ho pesato i primi pezzi e dopo sono andata a occhio).

Stendete ogni pezzo il più sottile possibile con il mattarello. I crackers dovranno assomigliare a delle lunghe lingue ovali, sottili quasi come la carta.

Posizionate i crackers su una teglia foderata con carta forno (a seconda delle dimensioni ce ne stanno circa 4/6 per volta). Spennellate ogni cracker con abbondante olio extravergine d'oliva e cospargetelo con il sale. Cuocete in forno per 6 minuti circa, finché saranno croccanti e dorati.

Andranno a ruba, ga-ran-ti-to!

11 commenti:

  1. Mi ispirano tantissimo! Ricetta appuntata. Ti sono venute proprio bene, brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. danno una soddisfazione incredibile! grazie!

      Elimina
  2. Uh che belli questi crackers!!! Da provare assolutamente, grazie Cristina!!

    RispondiElimina
  3. Assaggiati anch io è confermo la bontà!!! Pensa che non li ho ancora fatti ma devo farli al più presto !!! I tuoi saranno stati buoni come quelli dell Ale ! Lo so !!! Baci

    RispondiElimina
  4. Cara amica mia, questi crackers li amano praticamente tutti, e Ottolenghi non si smentisce mai!!! Le richieste di bis continuano anche in casa mia (e fuori) ;)))
    I tuoi sono bellissimi, ma sapevo già che lo sarebbero stati... Grazie per le tue parole, sono una bella botta di buon umore :))))

    RispondiElimina
  5. E ci credo che vanno a ruba! Già solo a guardarli attraverso il monitor mi verrebbe voglia di allungare la mano e prendermene un paio :) si vede dalle foto quanto buoni devono essere. Ottolenghi ha colpito ancora. E anche tu :)

    RispondiElimina