mercoledì 17 novembre 2010

Tartellette brisée all'aneto con mousse di salmone

Questa ricetta partecipa, quasi un anno dopo, al Calendario 2011 di Un anno Ammodomio, ovviamente per il mese di Dicembre!

Oggi ho iniziato -con molto anticipo rispetto al solito- le prove per il pranzo di Natale e l'occasione me l'ha data Patrizia de La Melagranata con il suo contest "Christmas Finger Food", al quale partecipo davvero volentieri: io adooooro il finger food e questo da sempre, prima ancora che diventasse una moda...
Lo so che non è molto originale, ma per me Natale vuol dire salmone e guai se mancasse negli antipasti! Mi sono dunque inventata queste tartellette di pasta brisée all'aneto con mousse di salmone:

ingredienti per circa 20 tartellette:
per la brisée
200 g di farina 00
100 g di burro ammorbidito
un ciuffo di aneto
un pizzichino di sale
poca acqua
per la mousse
100 g di salmone affumicato
100 g di robiola
circa 50 ml di panna fresca
2 cucchiai di succo di limone
1 cucchiaio di cognac
pepe

Setacciate la farina in una terrina, aggiungete pochissimo sale e il burro tagliato a pezzetti e lavorate con la punta delle dita fino a ottenere delle briciole.




Con le forbici da cucina tagliuzzate un ciuffo di aneto e aggiungetelo alle briciole. Poi versate un poco di acqua nella ciotola e impastate fino a ottenere una pasta liscia e omogenea. Formate una palla, avvolgetela nella pellicola e mettete in frigorifero per almeno un'ora.

Intanto preparate la mousse: mettete nel mixer il salmone tagliato a pezzi, la robiola, la panna fresca, il succo di limone e il cognac e frullate il tutto. Infine insaporite con il pepe e mettete la mousse in un sac-à-poche con l'imboccatura a stella.
Con il mattarello stendete l'impasto più sottilmente che potete, ritagliate dei cerchi e foderate uno stampo da mini-tartellette (meglio se in silicone), premendo ben bene.


Cuocete in forno già caldo a 180°C per circa 15 minuti. Sformate le tartellette e fatele raffreddare su una gratella.

Riempitele con la mousse di salmone e guarnite con del caviale (o uova di lompo). Sono eccezionali!!


12 commenti:

  1. Belle le tue tartellete! immagino il sapore...mmmmm... mai usato l'aneto, devo provvedere! a presto

    RispondiElimina
  2. che bell'idea! sembrano anche veloci ma che effetto!!!
    da provare :-D
    Francesca

    RispondiElimina
  3. Oh ragazza mia cara, ma questo significa corrompere la giuria.....complimenti!!!!E questa foto con l'aneto...che sembra richiamare un po' gli abeti!!!Brava!!! BAci

    RispondiElimina
  4. ciao! Sono molto carine e ben presentate!! brava!!! Molto carino il tuo blog, ci sono ricette sfiziosissime!!!

    RispondiElimina
  5. Ho capito che non vincero' il contest dei finger food di natale... sono troppo carini!

    RispondiElimina
  6. @erika: l'aneto ha un profumo inconfondibile, col salmone è "la morte sua" e in germania lo mettono anche nell'insalata...
    @francesca: grazie, so che a te verrebbero ancora più belli!
    @elifla: visto come sono raffinata?? ;-)
    @lafede: ciao a te e grazie mille!
    @alessandro: ma va là, guarda che il tuo carpaccio è magnifico e originalissimo!

    RispondiElimina
  7. Appetitosissime queste tartellette, brava!!!

    RispondiElimina
  8. sono veramente bellissime a dorabili!complimenti, adorabile ripieno invernale!

    RispondiElimina
  9. Ciao, piacere di conoscerti!!!! Anche da me a Natale c'è sempre almeno una ricetta con il salmone!!! Le tue tartellette sono splendide!!!
    Complimenti per i tuoi bellissimi gatti!!!

    RispondiElimina
  10. Che buone, sembrano veramente deliziose! Complimenti!

    RispondiElimina
  11. Ho appena scoperto il tuo bellissimo blog e giusto sabato ho preso un pacchetto di aneto...mhhhh queste le proverò di sicuro!!!

    RispondiElimina

dite la vostra! :)