mercoledì 20 febbraio 2013

Risotto d'orzo con feta marinata (Starbooks)

Non utilizzo spesso l'orzo, a casa mia è un ingrediente un po' dimenticato, va a sapere perché. Tempo fa avevo fatto una minestra polacca che mi era piaciuta moltissimo, ogni tanto preparo un'insalata estiva e... basta.

Ma quando ho visto la foto del Risotto d'orzo con feta marinata sullo splendido Jerusalem di Yotam Ottolenghi non ho esitato: questa sarà la ricetta che mi permetterà di finire degnamente la confezione di orzo abbandonata da troppo tempo nella mia dispensa!


E' un piatto vegetariano, facilissimo da preparare, che - come afferma Yotam -"contrariamente al risotto tradizionale non necessita di particolare precisione né di meticolosa preparazione, ma ha un sapore sensazionale".
E chi siamo noi per mettere in dubbio le parole dello chef??

Risotto d'orzo (Orzotto) con feta marinata
da Jerusalem di Yotam Ottolenghi


ingredienti per 4 persone:
200 g di orzo perlato
30 g di burro
90 ml di olio d'oliva
2 piccoli gambi di sedano, tagliati a dadini di 5 mm
2 piccoli scalogni, tagliati a dadini di 5 mm
4 spicchi d'aglio, tagliati a dadini di 2 mm
4 rametti di timo
mezzo cucchiaino di paprica affumicata
1 foglia d'alloro
4 strisce di scorza di limone
un quarto di cucchiaino di peperoncino tritato
400 g di pelati a pezzettoni
700 ml di brodo vegetale
300 ml di passata
1 cucchiaio di semi di cumino
300 g di feta, spezzettata in pezzi da 2 cm circa
1 cucchiaio di origano fresco
sale

Sciacquate bene l'orzo con acqua fredda e lasciate sgocciolare.

Fate sciogliere il burro e due cucchiai di olio d'oliva in una padella capiente e soffriggete a fuoco basso i dadini di sedano, scalogno e aglio per circa 5 minuti o finché sono morbidi. Aggiungete l'orzo, il timo, la paprica, l'alloro, la scorza di limone, il peperoncino, i pelati, il brodo, la passata e mezzo cucchiaio di sale. Mescolate bene. Portate a bollore, poi riducete a fiamma bassissima e cuocete per 45 minuti, mescolando spesso per evitare che l'orzo si attacchi al fondo della padella. Trascorso questo tempo, l'orzo dovrebbe essere tenero e quasi tutto il liquido assorbito.

Nel frattempo tostate i semi di cumino in una padella antiaderente per un paio di minuti. Poi pestateli leggermente, lasciandone qualcuno intero. Aggiungete la feta insieme all'olio d'oliva restante e mescolate delicatamente.

Quando l'orzotto è pronto regolate di sale, suddividetelo in 4 ciotole e aggiungete la feta marinata con il suo olio, poi decorate con foglioline di origano fresco.


Note:
- Tempi e quantità perfetti! Soltanto i 300 g di feta li ho trovati un po' eccessivi, ne bastano anche 200.
- Non amando molto l'aglio, ho messo 2 spicchi in camicia invece dei 4 tagliati a dadini: per me andava bene lo stesso :)
- Prima di impiattare l'orzotto ho tolto gli spicchi d'aglio (se li tritate non è necessario ovviamente), i rametti di timo e la foglia di alloro. Ho invece lasciato la scorza di limone (la si intravvede nelle foto).
- L'ingrediente più sorprendente di questa ricetta è proprio la scorza di limone! Non tralasciatela assolutamente e usate limoni bio non trattati.
- Attenzione a non mettere troppo sale, poiché la feta è molto saporita.
- Personalmente non vado pazza per il cumino e la tostatura ne accentua parecchio il profumo... però è una caratteristica di questo risotto e vale senz'altro la pena provare.
- Yotam dice che questo piatto piace molto ai bambini: in questo caso tralascerei il peperoncino. Forse anche il cumino...
- Non ho trovato l'origano fresco e ho aggiunto, ahimè, quello secco.
- Per fare un brodo vegetale come si deve, leggete qui!
- Se vi avanza un poco di orzotto non buttatelo: il giorno dopo, appena scaldato, è ancora migliore!


Ed ecco qui cosa vi hanno preparato questa settimana le altre compagne d'avventura dello Starbooks:

La Apple Pie di Mary Pie: Kebab di pesce e capperi con melanzane arrosto e limoni piccanti in conserva
Ale only kitchen: Tahini cookies
Le chat egoiste: Burnt aubergine with garlic, lemon and pomegranade seeds
La gaia celiaca: Muhallabia
Arabafelice: Latkes
Arricciaspiccia: Roasted cauliflower and hazelnut salad




 Arrivederci alla prossima puntata con un piatto - finalmente - carnivoro :)))

32 commenti:

  1. Continuo a rimanere a bocca aperta davanti a questi piatti! Il risotto con l'orzo l'avevo già sperimentato (l'orzotto) ma mai in questo modo eccezionale, un tripudio di profumi e sapori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. effettivamente le ricette di yotam sorprendono sempre!

      Elimina
  2. non ho mai provato l'orzo al posto del riso (o del farro), ma questa ricetta mi invita molto e quindi copio e la terrò ben a mente per proporla anche nella mia cucina...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai che con il farro non sarebbe niente male?
      grazie e a presto

      Elimina
  3. Io non mangio la feta,ma questo orzotto mi attira assai.
    Penso il signor Ottolenghi abbia a che fare con bambini speciali,generalmente i bambini odiano il comino!
    Bellissima ricetta,complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bambini inglesi forse... lì hanno gusti diversi, mi sa ;)))

      Elimina
  4. adoro l'orzotto.. ma col pomodoro non l'ho mai assaggiato! a me piace da matti con la birra ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. con la birra?!? mi ispira un sacco! se hai qualche ricetta me la mandi?
      grazieeee

      Elimina
  5. Anch'io ho dell'orzo in dispensa che attende una giusta fine... adesso so quale sarà! I profumi di questo piatto devono essere stupendi (moderando il cumino...), la feta mi sa che non la diminuirò, perché in casa mia ne vanno pazzi, me compresa :-)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo che noi foodblogger abbiamo di quelle dispense... ;)))
      un bacione e a prestissimo!

      Elimina
  6. che bello l'abbinamento con la feta. Mi sembra un piatto veramente mediterraneo, nei colori e nei sapori, bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille, ma il merito va tutto a yotam e sami :)

      Elimina
  7. non c'è un ingrediente in questa ricetta che non abbia stuzzicato la mia fantasia..e poi è così cremoso..
    da provare insomma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, è da provare. un piatto in fondo così semplice, ma speciale...

      Elimina
  8. Al contrario di te lo uso spesso, l'orzo. Ci faccio tutta una serie di minestre e anche tipo risotto non è da scartare. Piace anche agli altri miei difficilissimi commensali.
    Questa tua versione mi piace tanto tanto più che ho il Martirio che spesso e volentieri mi porta a casa la feta ... che sono stufa di far in insalata.
    Come ho detto oggi a due delle tue *socie*... il libro in questione mi sa che sarà uno dei prox click su Amazon.
    Buona serata bella signora, è bello leggerti di nuovo!
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. clicca clicca... non te ne pentirai!!
      un abbraccio grande, spero di rivederti presto :)

      Elimina
  9. purtroppo l'orzo è uno dei cereali vietati al celiaco, altrimenti questa ricetta, che avevo adocchiato da subito, l'avrei provata immediatamente: io l'orzo lo adoravo, e mi dispiace così tanto di non poterlo mangiare più.
    detto questo, mi sembra che ti sia venuto benissimo, questo libro è proprio splendido, grazie a voi per avermi fatto scoprire yotam!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara gaia, ora lo so che l'orzo non va bene per i celiaci (vedi il post della minestra polacca... che figura!!). ma secondo me col riso viene bene ugualmente...
      baciooooo

      Elimina
  10. Arrivo da te a pelle di leopardo. Confesso la mia totale non familiarità con l'orzo, che però adoro mangiare in minestre preparate da altri (ne ho mangiata una in trentino che parlava!).Vederlo usato in un piatto mediorientale mi sorprende, ha un aspetto particolarmente goloso (e come te, ma te lo bisbiglio in un orecchio, il cumino non mi fa impazzire ;))
    Un bacione meravigliosa creatura, non vedo l'ora di strapazzarti! Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. yotam sorprende sempre :)))
      guarda che io sono già lì!!!!

      Elimina
  11. l'orzo mi piace molto, lo trovo leggero e gustoso e con la feta il gusto è garantito, da provare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. massì dai, potrei quasi spacciarlo per un piatto dietetico... ;)
      abbinamento da provare, l'hai detto!
      grazie, un abbraccio

      Elimina
  12. Pure io uso poco l'orzo, e ogni volta che lo cucino mi domando il perché: è buonissimo e non scuoce, come giustamente fa notare Yotam.
    Questa ricetta non fa che confermarmelo!!! E' proprio quello che ci vuole per scaldare una fredda giornata invernale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e oggi ha anche nevicato! quasi quasi me lo ripreparo ;)))

      Elimina
  13. L'ho preparata per pranzo, senza cumino perché c'é anche mio figlio, l'ho appena assaggiata, é assolutamente deliziosa, bravissima e grazie mille! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma dai! sono contentissima!! grazie di essere ripassata per dirmelo :)))

      Elimina
  14. Buono buono mi fa venire un'acquolina a quest'ora del pomeriggio ..mi stuzzica l'idea di associare l'orzotto con la feta.. La proverò moooolto presto
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. poi fammi sapere, mi raccomando :)
      un bacione anche a te

      Elimina
  15. orzotto e cumino...sapori di quando ero bambina...li cucinava mia nonna anche se era più astroungarica che palestinese :-)...adoro l'orzotto !!! quindi da fare anche questa ricetta! brava cri! bacissimi

    RispondiElimina
  16. Io e la micina Princess ringraziamo!!!

    RispondiElimina
  17. Mmmm..che risottino sfizioso!!
    Un bel piatto lo mangerei anche a quest'ora.
    Incoronata

    RispondiElimina
  18. Ciao Cristina. Hai visto cosa ho preparato ieri? ;)

    http://lasagnapazza.blogspot.it/2013/07/orzotto-al-pomodoro-con-feta-marinata-e.html

    Un bacione grande!

    RispondiElimina