mercoledì 20 marzo 2013

Un pesto molto, ma molto eretico...

I miei ignari vicini di casa sono stati vittime di un blind test: ho regalato loro un barattolo di questo pesto senza rivelarne gli ingredienti. Hanno entusiasticamente accettato, delle mie capacità culinarie - poveretti - si fidano... E il giorno dopo trovo un bigliettino sulla porta: "Ma cosa ci hai messo dentro, algheeee?!? Preferiamo i tuoi dolci!!"


Continuano dunque le avventure per coraggiosi con il maitre chocolatier Paul A.Young per lo Starbooks di marzo. Le sue cioccolatosissime ricette non sono mai banali, come avete visto settimana scorsa sui blog delle Starbookers. Ci sono molte, moltissime preparazioni dolci che si possono considerare "nella norma", ma io - non so perché - ho voluto lanciarmi prima nella preparazione di una pera con ganache allo stilton e oggi in un pesto che definire eretico è un eufemismo... Genovesi d.o.c. prego astenersi dai commenti!
Comunque vi assicuro che non sa di alghe :)

Sweet chocolate pesto - Pesto dolce al cioccolato
da Adventures with Chocolate di Paul A. Young

ingredienti per un barattolo grande (ca. 250 g):
25 g di foglie di basilico fresco
150 ml di olio d'oliva extravergine
il succo e la scorza di mezzo limone
mezzo cucchiaino di sale fino
60 g di pinoli
100 g di pecorino grattugiato
25 g di cioccolato fondente al 100% venezuelano grattugiato

Mettete tutti gli ingredienti in un piccolo frullatore (oppure usate mortaio e pestello) e frullate fino a ottenere la consistenza desiderata: granulosa, liscia o una via di mezzo.
Conservate il pesto in un barattolo sterilizzato a chiusura ermetica; in frigorifero si mantiene per circa 1 mese.
Una volta aperto utilizzatelo entro 1-2 settimane e versate sempre un velo d'olio sulla superficie del pesto rimanente.

Note:
- l'olio deve essere di ottimissima qualità e di sapore delicato.
- Il limone mi raccomando che sia bio, non trattato!
- Secondo me verrebbe meglio usando 50 g di pecorino e 50 g di grana, ma non ho ancora fatto la prova.
- Non so perché l'autore definisca questo pesto "sweet"... il cioccolato al 100% certamente dolce non è.
- Oltre a condirvi la pasta, Paul suggerisce di utilizzarlo sulle insalate di riso, sulle verdure grigliate o sul pesce bianco. Noi ci abbiamo condito le classiche trenette: non è un piatto da tutti i giorni, ma il sapore è intrigante ed è piaciuto a tutta la famiglia. Assolutamente da rifare con la variante del grana!

Ora lustratevi gli occhi con questa carrellata di meraviglie in casa delle altre Starbookers:

- Roby (le chat egoiste): Pollo piccante con cioccolato venezuela alla maniera di Paul
- Stefania (Arabafelice): Tartufi di cioccolato bianco e fragole al pepe rosa
- Ema (Arricciaspiccia): Lastre rocher con frutta secca tostata e uva sultanina cremisi
- Patty (Andante con gusto): Muffin con timo, jaggery e cioccolato bianco
- Gaia (La gaia celiaca): Muscovado chocolate cakes with cocoa nibs and Mayan spiced syrup
- Ale (Menuturistico): Chocolate drenched cocoa-nib cookies
- Ale (Ale only kitchen): Cracker al cacao

 Settimana prossima torno sulla retta via, promesso!
E voi incominciate a prepararvi per il prossimo Starbooks Redone :)

27 commenti:

  1. questa me la segno perchè è davvero molto interessante e golosa! grazie :)

    RispondiElimina
  2. Questo proprio non riesco ad immaginarmelo come sapore...
    Il basilico con il cioccolato e il limone...
    Mi fido del tuo giudizio e credo anche che tu abbia ragione sulla questione del grana. Ad ogni modo, ricetta molto interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti solo un inglese poteva osare tanto... ;)

      Elimina
  3. ossignur! curioso davvero! i genovesi non hanno ancora reagito? :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. li aspetto al varco...
      un abbraccio! quando ci rivediamo??

      Elimina
  4. Mi ha incuriosito tanto questa ricetta! Certo l'associazione con le alghe depone e sfavore dei tuoi vicini... ;)
    Bacini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma no poverini... secondo me sono stati fuorviati dal colore... ;)

      Elimina
  5. Devo dire che la tuafoto è molto più accattivante che quella nel libro, che mi dava l'idea di un risultato molto asciutto e "mappazzone". Invece qui vedo un bel nido di pasta cremosa e a dirti la verità non sono assolutamente scandalizzata dall'idea di un cioccolato amaro in minima quantità a dare una sferzata di novità ad un pesto magari anonimo. I tuoi vicini hanno la moquette sulla lingua! Spero non mi leggano!
    Un abbraccione, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma vuoi mettere una pasta preparata in Italia piuttosto che in Inghilterra?!?
      se i miei vicini non mi parleranno più, sarà colpa tua ;)))

      Elimina
  6. Molto molto particolare :) baci :)

    RispondiElimina
  7. Ero molto curiosa di conoscere il riscontro sul campo di questo pesto eretico... Ho capito che è da provare per capire ;-) Sono d'accordo con Patty, la tua foto attira molto di più di quella sul libro :-)
    Grazie amica avventurosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci vuol niente a farlo! mi piacerebbe sapere cosa ne pensi!

      Elimina
  8. Hai ragione cara cri il cioccolato non è sweet quindi perfetto per questo " pesto eretico" ( mi piace!!!) da amante del cioccolato e dei gusti dolci/salati non posso che provarlo...me lo mangerò sola soletta a meno di non rivelare gli alchemici ingredienti ai più ....;-) .... Bellissima foto!!! Concordo come la patty e l Ale !!! Baciiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono sicura che a te piacerebbe :))
      ma va là, la foto non è nulla di speciale...
      grazie e a prestooooo

      Elimina
  9. Ahahahah ciao !! hai avuto una bellissima idea e credo che a noi sarebbe piaciuto !! usiamo il cioccolato un pò ovunque :)

    Ci uniamo con piacere ai tuoi lettori, se vuoi fare altrettanto ti lascio il link del nostro Blog.. Un bacione :)

    http://duecuorieunapadella.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille e benvenute! vengo a sbirciare subito :)

      Elimina
  10. Questo uomo qui mi piace, non avrei mai pensato di mettere del cioccolato in un pesto, ma mi piace! Adesso che sono a casa spero di avere il tempo di fare un pò di esperimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tu devi soltanto riposarti, non fare esperimenti... capitooooooo??
      un bacio grande grande

      Elimina
  11. non sono proprio genovese, ma ligure sì... quindi mi devo astenere? In effetti un pesto un po' particolare, ma se lo definisci intrigante un motivo ci sarà! Dunque evviva le sperimentazioni (che barba far sempre le stesse cose, allo stesso modo!) ed evviva i sapori nuovi che così si vengono a scoprire... anche se c'è il rischio di pensare che uno degli ingredienti sia alga :))
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tu non potevi mancare, di cioccolato te ne intendi!!! sì, evviva le sperimentazioni :)

      Elimina
  12. Io mi chiedo solo perché non ho una vicina come te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci sarebbero proprio dei begli scambi tra noi, ne sono certa! è che siamo trooooooppo lontane...
      bacionissimi

      Elimina
  13. Ciao Carissima....grazie per la visitidda.
    L'atmosfera in farmacia non è più quella di una volta purtroppo, niente di divertente, due balle!
    Un abbraccio, a prestissimo.

    RispondiElimina
  14. un pesto per palati audaci! Qualcosa mi dice che il tuo suggerimento di fare fifty-fifty grana e pecorino sia azzeccatissimo.

    RispondiElimina
  15. TI INVITIAMO AD ISCRIVERTI AI NOSTRI CONTEST!
    speriamo tu faccia parte della nostra grande famiglia, partecipando con una ricetta adatta ai nostri prodotti!
    La famiglia di Cà Versa

    RispondiElimina