mercoledì 23 gennaio 2013

Un antipasto chic: Patate con caviale e crème fraîche

Eccoci arrivati alla seconda puntata dello Starbooks di questo mese, l'Unofficial Downton Abbey Cookbook dell'autrice americana Emily Ansara Baines. Il libro è dedicato alle ricette che venivano preparate nelle cucine dei nobili inglesi agli inizi del '900 e pertanto comprende anche molti piatti di ispirazione francese.

Settimana scorsa ci siamo fermati "downstairs" nella cucina della servitù, ma stavolta ci accomodiamo senz'altro nella favolosa sala da pranzo dei Conti di Grantham per assaggiare un antipasto decisamente chic: le patate con caviale e crème fraîche.


Anche questa volta ho imparato qualcosa di nuovo: esiste una varietà di patate che si chiama "fingerlings". Non è che essendo tedesca debba conoscere tutti ma proprio tutti i tipi di Kartoffeln eh?? ;)))
Questi fingerlings non li ho mai visti né tantomeno assaggiati... se qualcuno sa dove trovarli, per favore faccia un fischio! Comunque sono delle patate piccole, allungate e, sembra, molto adatte per la cottura al forno. Le ho sostituite con patatine novelle.


immagine dal web
Si tratta di una ricetta davvero semplice, ma che farà sicuramente la sua figura! E se farete come me e, invece del caviale utilizzerete delle più economiche uova di lompo, non vi prosciugherete nemmeno il portafoglio...

Settimana scorsa sia le dosi che i tempi della ricetta erano perfetti, questa volta ho voluto mettere delle piccole note (in corsivo).

Patate al caviale e crème fraîche
da "The Unofficial Downton Abbey Cookbook"
(ricette per i nobili)
 
 
ingredienti per 4/6 persone:
2 dozzine di patate novelle
250 ml di olio evo (per me è troppo...)
2 cucchiai di rosmarino tritato
2 cucchiaini di sale rosa dell'Himalaya
1 cucchiaino di pepe nero macinato al momento
mezzo cucchiaino di foglioline di timo
250 ml di crème fraîche (opp. panna acida)
un vasetto di caviale nero e/o rosso
erba cipollina per decorare
 
Riscaldate il forno a 175°C.
Lavate molto bene le patate, asciugatele e tagliatele a metà per il lungo (non sbucciatele).
Mettete le patate in una ciotola capiente insieme a 2/3 dell'olio, circa 160 ml (io ne ho messo molto meno, tanto quanto basta a ungere un po' tutte le patate), aggiungete il rosmarino, il sale rosa e il pepe. Mescolate bene

 
Ungete una pirofila o una teglia con l'olio restante e disponetevi le patate con la parte tagliata verso il basso. Cuocetele in forno per 45-60 minuti, finché le patate risultanto tenere all'interno e dorate all'esterno.
Sfornate e lasciate raffreddare leggermente, poi disponete le patate sul piatto o vassoio di portata con la parte tagliata verso l'alto.
In una ciotolina mescolate il timo con la crème fraîche (o panna acida).
Versate su ogni patata mezzo cucchiaino di crema o panna (tenete le patate ben dritte, altrimenti il condimento scivolerà tutto...), poi mezzo cucchiaino di caviale e infine decorate con erba cipollina tritata.
Mangiate subito!
 
Note:
L'unica difficoltà nella preparazione di questo sfizioso antipasto - a parte reperire le patate fingerlings intendo... - è quella di non far scivolare tutta la crème fraîche sul piatto, poiché a contatto con la superficie calda della patata è questo quello che inevitabilmente succede. Mah, forse la soluzione sarebbe di scavare un pochino ogni patata... ma se non vi formalizzate, questo hors d'oevre è buono anche "colato"!
E se il connubio patata/caviale vi piace, provate anche queste crêpes :)
 
Ed ecco a voi le meraviglie preparate dalle mie colleghe Starbookers:
Mapi alias La Apple Pie di Mary Pie - Saxe-Coburg Soup
Stefania L'Araba felice - Sweet Brown Sugar Shortbread
Roby ossia Le chat egoiste - Crisp Chestnut Soup
Dani di Menu turistico - Eccles Cakes
Alessandra di Ale only kitchen - Biscotti Digestive al cioccolato
Patty di Andante con gusto - Mr Bates Chicken and Mushrooms Pie
Ema di Arricciaspiccia - Traditional Bakewell Tart

 
 
 
 
 

27 commenti:

  1. ......ho già preso nota.... e ho detto tutto!!!
    Danke schoen!!!!!
    :-)))

    RispondiElimina
  2. Mi stavo già chiedendo: Beluga o Sevruga? Ed avevo gli occhi sgranati pensando a te che avevi aperto un mutuo per un vasetto di caviale! Invece le uova di lompo celo, la panna acida pure, mi manca solo una tovaglia di fiandra ricamata ed un piatto di limoges e poi potrei sentirmi una vera contessa!
    Piatto strepitoso e da fare al volo. Un bacionissimo cara Cri, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. seeeee... finiti i tempi del caviale! ma se qualcuno vuole mandarmene un vasetto, io l'accetto eh?! ;)))
      ma tu sei una contessa, assolutamente!
      ricambio il bacione, of course

      Elimina
  3. che buone ed eleganti!
    Piacere di conoscerti :-)

    RispondiElimina
  4. Questi altro che elegante antipasto, mi sbaferei volgarmente il vassoio :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah è quello che abbiamo fatto mio marito ed io :)

      Elimina
  5. veloce, gustoso e terribilmente chic!!! Che altro si può dire.......... Sarebbe bello assaggiare, cara la mia Cri! :-))))))
    Un bacione grandissimo a tutta la famiglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono sicura che tu li faresti anche meglio!!
      a presto!

      Elimina
  6. In effetti, la ricetta sembra una versione "affettata" delle baked potatoes with caviar and sour cream (patate intere e con la buccia, cotte nel cartoccio e poi leggermente scavate e riempite con panna acida e caviale). Per inciso, appresi dell'esistenza di questa snobbissima pietanza leggendo un libro di ricette di Sophia Loren. Mi sorprende la grande quantita' di olio indicata e anch'io, come te, l'avrei drasticamente ridotta. Ora mi dici come potremo sopravvivere senza provare questa varieta' fingerlings? :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sophia loren ha scritto un libro di ricette?? adesso sono io che non posso più vivere senza!!

      Elimina
  7. Che goduria! Magari con uova bicolori..questo lo faccio quanto prima.

    RispondiElimina
  8. Ecco, le patate fingerlings non le avevo mai sentite nominare neppure io, però tu hai fatto benissimo a sostituirle con le nostre novelle!
    Un antipasto semplice e raffinato, degno della tavola di un re!
    E... hai fatto bene a ridurre la quantità di olio!!!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi sento già meglio... neppure tu le conoscevi!
      bacioooooo

      Elimina
  9. Hai fatto benissimo a ridurre la quantità di olio!
    Per il resto è una ricetta molto raffinata, degna della tavola di un re! :-p

    RispondiElimina
  10. sorvolo sulle tipologie di patate per dedicarmi subito all'aspetto elegante di questo piatto! colori stu pen di ! e vogliamo parlare del caviale??? piatto degno di Downton cara la mia blasonata amica! mi auto invito nella tua magione ...posso??? baciiiiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma certo!!! ma solo se tu mi inviti nel tuo castello :)))

      Elimina
  11. devo dire che il caviale non l'ho mai assaggiato e solo alla parola storco un po' la bocca :D servito così per è davvero invitante! Le patate con la creme fraiche l'adorooo ;)
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  12. Le patate Fingerlings non le avevo mai sentite neppure io, ma adesso sono curiosa... Io vivrei di patate, e preparate in questo modo così chic non posso lasciarmele sfuggire, seguendo i tuoi consigli, ovviamente!
    A presto

    RispondiElimina
  13. Very chic! Ma anche io le farò con le patate novelle perchè le 'fingerlings' non le ho mai viste e mai sentite nominare! Buona giornata,
    Sarah

    RispondiElimina
  14. per tenere dritte le patate potresti anche tagliare un pochino la base, dietro, così non dondolano.
    detto ciò, direi che questo antipasto è davvero chic, mi piacerebbe assaggiarlo...

    RispondiElimina
  15. Cri!!! Ho pensato la stessa cosa circa la crème faraiche! Scavare un pochino le patate è la soluzione che permette di ovviare al rischio di cui parli! Sarà anche semplice questo piatto, ma a me sembra spaziale :)! E bravi gli inglesi! Hanno colpito ancora :)!
    Bravissima e ottime le note...indispensabili se no si fanno le patate sott'olio che non è il caso :)! Ah ah ah!
    Smack!

    RispondiElimina